La storia

5 DICEMBRE 1993: L’INCIDENTE

  • Alessio Tavecchio, all’età di 23 anni, sopravvive miracolosamente a otto giorni di coma profondo a seguito di un incidente motociclistico ma subendo un’irreversibile lesione al midollo spinale che lo costringe sulla sedia a rotelle.
  • Dopo l’incidente Alessio reagisce con impressionante forza di volontà e nel 1996 partecipa alle Paralimpiadi di Atlanta sfidando se stesso e il mondo in tre finali di nuoto. Sente però che quanto sta facendo per se stesso non è sufficiente e che la sua missione nella nuova vita avrebbe dovuto essere la promozione del valore della vita a tutti coloro che avessero incrociato la sua esistenza, fossero o meno persone con disabilità.

1998: NASCE LA FONDAZIONE

  • Si delinea il vero, grande, intramontabile sogno di Alessio: la creazione di un Centro Polifunzionale Integrato di Residenzialità, Formazione e Sport, un vero e proprio Open Village aperto a tutti!
  • Alessio partecipa frequentemente al Maurizio Costanzo Show e a un’intera stagione di Domenica In con Paolo Bonolis. Incominciano le richieste di riunioni e conferenze con chiunque volesse condividere il suo passato e, soprattutto, la sua nuova concezione del futuro.
  • Si costituisce il GDS (Gruppo di Solidarietà) per sostenere e assistere, anche psicologicamente, alcune famiglie che soffrono di una solitudine e di un disagio difficilmente immaginabili.
  • Il dono di una piccola auto, vecchia ma ancora in ottimo stato è la molla per decidere di dare una risposta a una costante e crescente domanda di mobilità che dal territorio ci perveniva da parte di persone anziane, disabili e comunque disagiate.

GLI ANNI 2000

  • Nasce il Servizio Trasporti che grazie alle donazioni di 9 mezzi (in parte attrezzati per il sollevamento delle sedie a rotelle) e al lavoro silenzioso e indispensabile di oltre 30 autisti volontari, effettua circa 2.000 trasporti annui.
  • Hanno inizio gli incontri di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale consapevole nelle scuole.
  • Grazie alla collaborazione di agenzie e aziende che si occupano di selezione del personale e di reinserimento lavorativo abbiamo dato vita all’attività di Consulenza Lavorativa.

2010

  • La Fondazione viene riconosciuta ente idoneo ad accogliere ragazzi dai 18 ai 28 anni, senza lavoro, a svolgere tirocini lavorativi all’interno del programma di Servizio Civile Nazionale.

2013

  • In collaborazione con il Tribunale di Milano, siamo in grado di offrire a persone che devono scontare pene lievi lo svolgimento di un periodo lavorativo di “messa alla prova” e/o “lavoro di pubblica utilità”

2017

  • Nasce il progetto dell’Agriparco “Accolti e Raccolti”, in via Papini a Monza, per disabili, studenti, richiedenti asilo e anziani con il coinvolgimento dei cittadini, delle cooperative, delle scuole, degli enti pubblici e delle associazioni presenti sul territorio.
  • Hanno inizio gli incontri di sensibilizzazione sui temi Diversity & Inclusion per le aziende.

2018: 20 ANNI DELLA FONDAZIONE

 

I SOGNI

“Il sole è nuovo ogni giorno.”
Eraclito di Efeso (500 a.C. circa)

Sono tanti i “sogni” e progetti ancora da realizzare e tra questi il più importante è il Centro “Open Village”, che ha l’obiettivo di garantire alle persone con disabilità e non, un reinserimento completo nella società, sperimentando, con adeguato supporto medico, la vita indipendente, praticando lo sport e ricevendo una formazione finalizzata all’inserimento lavorativo. Unico scopo, non solo ideale, l’aiuto agli altri nessuno escluso.